Ex E.N.C.C.

Cronistoria dell’ex Ente Nazionale Cellulosa e Carta


1935
Nascita e rapido incameramento di tutte le aziende produttrici di cellulosa
-> Clicca qui per leggere
1951
Si da vita alla Societa’ Agricola Forestale (S.A.F.).
1952
Fondazione della Societa’ Immobiliare via Assisi (S.I.V.A.) ed acquisizione dell’Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura di Casalmonferrato (AL)
1953
Creazione del Centro di Sperimentazione Agricola e Forestale di Roma-Casalotti.
1979
Si costituisce la Ricerca Economica Statistica Servizi che comprende S.I.V.A. e I.S.P. La Corte dei Conti lamenta la non conformita’ del nuovo assetto del gruppo per essere un ente pubblico.
1983
Viene sciolto il consiglio direttivo dell’ENCC dal Ministro dell’Industria.
1990
Giogio Giannini del Gruppo “Verdi per Roma” – XVIII Circoscrizione si adopera per l’istituzione di un parco pubblico a Casalotti scrivendo al Presidente della SAF, e presentando una mozione al Presidente della XVIII Circoscrizione.
La XVIII ‘prova’ a farne un parco pubblico stanziando anche dei fondi per il 1991! Al tempo erano circa 90 ettari!
XVIIIODG24Seduta13nov90.doc
1993
Fino a quest’anno riceve contributi parafiscali ritenuti incompatibili dalla CEE. Si avvia il decreto di liquidazione.
29/12/1993
Pagina 19 – Corriere della Sera
Antitrust
ASSOCARTA chiede la soppressione del contributo all’ ENTE NAZIONALE CELLULOSA per garantire un’ effettiva concorrenza —> clicca qui per leggere
1994
Il commissario liquidatore Dr. Nannerini inizia ad occuparsi della liquidazione. Sue le proposte di trasferimenti a soggetti privati ed a enti pubblici quali Agroforestali e Istituto Agrario M.R.A.A.F diventano legge. Dal 27 agosto in liquidazione.
1995
Primo tentativo di salvaguardia ‘scientifica e ambientale’ del dirigente ENCC Dr. Valenziano con forti accuse alle sopracitata ‘legge capestro’. 150 posti di lavoro minacciati solo a Casalotti e migliaia in tutta Italia. Partono le indennita’ di cassa integrazione, le assemblee e le manifestazioni. Ci pensera’ poi il Governo a fare il resto.
1995
Subemandamenti del Senato SUBEMENDAMENTI E EMENDAMENTO AL DISEGNO DI LEGGE N. 3832.
1995
In Friuli i beni ENCC vengono devoluti a titolo gratuito alle imprese che operano nel settore.
1996
Il Disegno di Legge n. 219/a, presentato dalla Giunta regionale, su proposta dell’Assessore degli affari generali, personale e riforma della Regione, MANUNZA di concerto con l’Assessore della difesa dell’ambiente, SABA, il 28 marzo 1996. Inquadramento in ruolo di personale gia’ dipendente dalle societa’ controllate dall’Ente Nazionale Cellulosa e Carta.
Disegno di legge n219a.pdf
1997
Atti parlamentari
(…) contributi canalizzati dal bilancio attraverso la Presidenza del Consiglio, dipartimento informazione ed editoria, e fino al 1995 materialmente pagati attraverso l’Ente cellulosa e carta; nel corso del 1996 questo ente e’ stato liquidato in via definitiva e dunque dal 1996 (per il pagamento del 1995) i contributi sono pagati direttamente dalla Ragioneria presso la Presidenza del Consiglio.
1998
PROGETTO DI RICERCA SULL’ABUSIVISMO EDILIZIO
ProgettodiRicercaLagambiente.pdf
Genesi di RI.SELV.ITALIA
1999
XIII Commissione – Resoconto di venerdi’ 10 dicembre 1999
Gianpaolo DOZZO (LFNIP) raccomanda l’approvazione dell’emendamento 6.1, manifestando la propria perplessita’ per il parere contrario espresso dal relatore, che solo pochi giorni fa aveva utilizzato per la FINAM e per le societa’ di forestazione da esse controllate l’espressione ‘scatole cinesi’.
1999
Riorganizzazione del settore della ricerca in agricoltura, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59. Data e Numero Provvedimento: 29/10/99 n. 454. Data e Luogo Pubblicazione:
03/12/99 G. U. n. 284
2000
Progetto di legge- N. 6559 – 6903 – 6915-A/RED
Art. 5.: (Societa’ di forestazione controllate dal Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica.Trasferimento di risorse finanziarie alla regione Calabria)
2001
Sentenza del Tribunale di Roma contro il Ministro del Tesoro ed il Commissario Liquidatore dell’ENCC. ‘(…)partecipazione al capitale di rischio della NCA, oltre che illegittima fosse stata anche illecita e produttiva di danno erariale, chiamava in giudizio i soggetti che avevano posto in essere tale operazione, cioe’ il Ministro pro-tempore dell’industria, on.le Adolfo B., ed il Commissario straordinario dell’Ente, on.le Gustavo DM.
Pena: dieci miliardi di multa al commissario liquidatore.
2001
FINAM
Legge n. 122 del 27 Marzo 2001: si devolve tutto al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.
LEGGE 27 marzo 2001, n.122 Disposizioni modificative e integrative alla normativa che disciplina il settore agricolo e forestale. Trasferimento all’AGEA di fondi per il settore lattiero-caseario (…)
L’Istituto di sperimentazione per la pioppicoltura di Casale Monferrato e connesse unita’ di ricerca forestale di Roma-Casalotti e aziende sperimentali di Mezzi, Cesurni e Ovile, nonche’ l’azienda di San Giovanni Arcimusa, gia’ concessi in comodato nell’ambito della liquidazione dell’Ente nazionale per la cellulosa e per la carta e della Societa’ agricola e forestale per le piante da cellulosa e da carte – SAF spa al Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali, sono devoluti a titolo gratuito al Ministero delle politiche agricole e forestali per essere utilizzati nell’ambito della riforma degli istituti di ricerca e sperimentazione agraria.
2001
DECRETO 18 aprile 2001
Devoluzione alla regione Toscana del complesso aziendale “Rincine“, sito nei comuni di
Londa, Dicomano e S. Godenzo, rientrante nella liquidazione dell’Ente nazionale per la
cellulosa e la carta E.N.C.C.
2001
DECRETO 27 novembre 2001
Devoluzione a titolo gratuito alla regione Campania del complesso aziendale “Improsta“, in Eboli
(G.U. n. 291, 15 dicembre 2001, Serie Generale)
2001
Interrogazione (Svolgimento):Cessione a titolo gratuito azienda ex SAF’ Pistarelli (169)
Consiglio regionale delle Marche – Resoconto seduta n_62 del 14-11-2001.htm
2001
Devoluzione del patrimonio immobiliare dell’Ente nazionale per la cellulosa e la carta (E.N.C.C.), al comune di Treia.
2001
Alemanno, Fratta, Stampete provano a salvare l’Azienda Ovile e a creare un parco a Casalotti.
2002
URF-CSAF-ENCC-OVILE-SAF-ASFD-ISP- Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo di Firenze
L’ Unita’ di Ricerca Forestale (URF) deriva dal Centro di Sperimentazione Agricola e Forestale (CSAF) di Roma, dismesso nel 1995 a seguito della messa in liquidazione dell’Ente Nazionale per la Cellulosa e per la Carta e delle Societa’ controllate (tra le quali SAF spa).
Dopo un breve periodo in comodato con la Gestione ex ASFD, nel 2001 l’URF e’ stata devoluta al Ministero per le Politiche Agricole e Forestali in quanto struttura connessa all’Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura (ISP), unitamente alle Aziende sperimentali Ovile e Cesurni ed alla Biblioteca ex CSAF, funzionalmente afferenti, per essere utilizzata nell’ambito della riorganizzazione degli Istituti di ricerca. In tale contesto, dal 2002, la gestione amministrativa e’ affidata all’Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo di Firenze.
2002
Presentazione a Fratta (Presidente Municipio XVIII) della proposta di Bartoloni Fulvio e Luciano Emili per il recupero dell’area ICRAM (sinergie pubblico-privato in favore della tutela ambientale).
2003
Individuazione degli immobili di proprietari degli enti soppressi da sottoporre alla procedura della cartolarizzazione
Decreto 10 giu 2003.
2003
Bartoloni Fulvio, Luciano Emili e Andrea Vari hanno filmato il degrado dell’area dell’Ex ENCC.
2004
Il sogno di Antonio Cederna (…)La Riserva del Litorale’ prevede anche una cintura verde lungo la boccea (2549 ettari ) e 135 ettari in XVIII!. Il Campidoglio sottrae ottomila ettari alla speculazione edilizia.
2006
Enti inutili, ne resistono ancora 139! Compreso quello che li deve sciogliere
Articolo di Sensini Mario a Pagina 35 (29 dicembre 2006) – Corriere della Sera
Clicca qui per leggere
2008
28 aprile 2008 – Articolo di Emanuela Fontana “Sprechi di Stato, ecco l’ente più inutile” – Il Giornale.it